Home » Formazione

Scuola responsabili del 14 novembre

14 Novembre 2014 1.819 visite 0 commenti

Relatore: don Angelo Vennarucci

Tema : Lo Spiriro Santo e i suoi doni

Alla presenza di oltre 30 partecipanti Don Angelo ci ha accompagnato in un “ripasso” di cose che dovremmo già sapere, come ricordo del catechismo. Inoltre anche durante i tre giorni di Cursillo, il tema dei doni dello Spirito Santo viene sviluppato. Certo che tutti abbiamo riconosciuto come sia diverso apprendere delle nozioni sulla nostra fede, rispetto poi alla loro traduzione pratica nella vita quotidiana.

Il contributo di Don Angelo è stato centrato soprattutto su questo aspetto. Ci ha ricordato poche ed essenziali nozioni di catechismo, ma ne ha saputo sottolineare con efficacia le ricadute pratiche sulla nostra vita quotidiana.

In generale, parlare dei DONI dello Spirito Santo non vuol dire la stessa cosa che parlare dei CARISMI che ciascuno di noi può avere. Questi ultimi sono diversi per ciascuno e affidati per il bene comune, ma i DONI sono azioni concrete che lo Spirito Santo compie a sostegno dei credenti che si impegnano per vivere cristianamente. Don Angelo ha cominciato ad elencarli, o meglio ad approfondirne sinteticamente le implicazioni concrete, ma trattandoli in ordine inverso rispetto alla definizione catechistica Vogliamo riportare qui di seguito in modo molto sintetico una specie di “sotto-titoli” che Don Angelo ha dato per ciascuno dei sette doni dello Spirito Santo.

TIMOR DI DIO = capacità di sentirsi figlio di DIO, quindi amato da Dio

PIETA’ = profondità del legame di amore con Dio e con i fratelli

SCIENZA = scoprire la presenza del Creatore nel Creato

FORTEZZA = aiuto a superare situazioni umanamente insopportabili

CONSIGLIO = capacità di vivere ciò che l’intelletto ci fa capire come vero

INTELLETTO = capacità di capire nel profondo gli elementi della realtà

SAPIENZA = saper godere e gioire delle verità di Dio che gli altri sette doni ci fanno cogliere

Don Angelo ha concluso con un paragone emozionante. La PREGHIERA è come il pianto del neonato : il vero contenuto, cioè quello di cui abbiamo bisogno, lo capisce meglio il genitore (cioè DIO) che il neonato stesso (cioè io che prego).

 

Condividi su:
Condividi su Facebook Condividi su Google Plus Condividi su Twitter

Lascia un commento

Aggiungi di seguito il tuo commento. Puoi anche abbonarti a questi commenti via RSS.

Sii gentile. Massimo 1 link o sarà moderato. Pulizia nel testo e rimanere in tema. Niente spam, per favore.

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog abilitato Gravatar. Per avere il tuo Gravatar, riconosciuto ovunque, registrati su Gravatar.