Home » Post Cursillo

Cammino di fede – Terzo incontro

6 Giugno 2014 1.885 visite 0 commenti

Tema: L’EUCARESTIA

Testimonianza di Sabrina Zuccarino

Meditazione di don Angelo Vennarucci

Sabrina si è chiesta: “Vado a messa tutti i giorni. Perché?”

Per vivere meglio i suoi impegni quotidiani, personali e comunitari. E’ stato un cammino di progressivo avvicinamento al Signore, quello che ha fatto Sabrina che ha profondamento inciso nella sua vita. Anche grazie al Cursillo, oggi non potrebbe fare a meno di Gesù nella sua vita. L’Eucarestia è questa presenza di Gesù che sostiene ogni giornata. Un sacerdote, un giorno, le disse che l’eucarestia è per l’anima, come il sole per la pelle, l’abbronza, lascia il segno, la rende più attraente!!! Per questo Sabrina ha confidato l’importanza della Messa e della Comunione quotidiana

Don Angelo ha puntualizzato come Eucarestia non sia solo il “ricordo” dell’ultima cena, l’Eucarestia è un fatto che si ripropone, che si rivive nel momento in cui il sacerdote celebra e consacra il pane e il vino: è un atto d’amore che è sempre attuale. L’Eucarestia misura quanto siamo disponibili a fidarci di Gesù e il frutto che ne scaturisce è il servizio (nel Vangelo di Giovanni la lavanda dei piedi è il momento clou dell’ultima Pasqua di Gesù. Dobbiamo riscoprire il valore della comunione spirituale, dalla quale NESSUNO può essere escluso, che è il modo per entrare il quell’atto d’amore di Gesù che noi dobbiamo saper ripetere verso i fratelli. La realtà dell’Eucarestia è compresa nel pane (essenziale per il nostro nutrimento) e nel vino (che non è indispensabile, che è un di più, che rappresenta la festa, la gioia di vivere in fraternità). I bambini della prima comunione sono quelli che meglio di tutti assaporano e vivono il vero significato dell’Eucarestia, perché la loro fede è genuina, sincera, viva e credono naturalmente in quello che fanno.

Condividi su:
Condividi su Facebook Condividi su Google Plus Condividi su Twitter

Comments are closed.