Home » Approfondimenti, Primo Piano

Eduardo Bonnin, servo di Dio

6 Febbraio 2021 181 visite 0 commenti

Il fondatore dei Cursillos, Eduardo Bonnin Aguilò, è “servo di Dio”.
Cosa significa questo titolo? Come possiamo rivolgerci ad Eduardo?

Don Alessandro Fadda, animatore spirituale nazionale dei Cursillos di Cristianità, che è competente in materia per i suoi studi ed i suoi incarichi, con un suo interessante articolo (pubblicato sul sito nazionale) ci aiuta a comprendere meglio. Eccone alcuni passaggi.

“Ad un fedele viene attribuito il titolo di “Servo di Dio” esclusivamente dopo aver ottenuto il Nulla Osta della competente Congregazione dei Santi da parte del vescovo diocesano che ne ha fatto richiesta il quale, a quel punto, viene abilitato ad insediare il Tribunale diocesano con il compito di raccogliere tutte le prove inerenti la fama di santità e dei segni di cui il fedele è circondato. Il vescovo inoltre approva il testo di una preghiera, affidata a tutto il Popolo di Dio, nella quale si invoca Dio affinché voglia mostrare la santità del fedele candidato alla beatificazione attraverso le grazie che si intendono domandare per la sua intercessione e ne conceda appunto la sua Beatificazione.”

Possiamo allora “recitare la preghiera per la Beatificazione di Eduardo, invocarlo personalmente domandandogli grazie utili alla crescita della nostra fede, del nostro Movimento e alla propagazione del carisma che lo Spirito gli ha suggerito.”

“Come possiamo pregare Eduardo? Come pensiamo ad una persona cara defunta, che ci ha amato ed abbiamo stimato, a cui ci sentiamo legati ancora per la comunione dei santi: la percepiamo sempre vicina, ci rivolgiamo con fiducia nella preghiera personale, cerchiamo di ricordare e vivere gli insegnamenti che ci ha lasciato, rimane punto di riferimento nella nostra vita quotidiana. Tutto questo possiamo attuare anche nei confronti di Eduardo, per onorarlo come si conviene.”

Possiamo “chiedere grazie che riguardano la nostra vita, la vita di persone che ci sono care o che conosciamo, particolarmente se vivono momenti di difficoltà e di prova nelle quali spesso molti si vengono a trovare.”

Ecco il testo, che possiamo recitare personalmente e durante i nostri incontri:

Preghiera per Eduardo

Condividi su:
Condividi su Facebook Condividi su Google Plus Condividi su Twitter

Lascia un commento

Aggiungi di seguito il tuo commento. Puoi anche abbonarti a questi commenti via RSS.

Sii gentile. Massimo 1 link o sarà moderato. Pulizia nel testo e rimanere in tema. Niente spam, per favore.

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog abilitato Gravatar. Per avere il tuo Gravatar, riconosciuto ovunque, registrati su Gravatar.